EDDA ODIO I VIVI TESTI

Tutti i testi dell’album Odio i Vivi di Stefano EDDA Rampoldi e Walter Somà

EMMA

Walter Somà – Stefano Rampoldi

Le strade

finiscono qui

va bene

ma masturbami

facciamo così

e se poi non ti ho capita

accontentati

e se poi non è bello

a a a a chi

perché le strade

amica mia

dividono

perché le madri

amore mio

ti uccidono

ho sbagliato tutto nella vita

ma poi ho avuto te

Emma Emma Emma

Emma Emma Emma… Eh

attenta a quello che mi dai

attenta a quello che mi dai

se lo vuoi io so fare la serva

il bene che non ti vuoi

il bene dei paesi tuoi

se so fare una cosa quella è fare la serva

se c’è una cosa che so fare quella è fare la serva

sulle scale

adesso cosa faccio

soprattutto

non farmi restare da sola

a te non conviene

attacca-a-mi

voglio solo stare bene

maltrattami

perché gli amori amore mio

finiscono

perché le madri amore mio

ti uccidono

Emma Emma Emma

Emma Emma Emma… Eh

attenta a quello che mi dai

attenta a quello che mi dai

attenta a quello che mi dai

se lo vuoi posso fare la serva

il bene che non ti vuoi

il bene dei paesi tuoi

se c’è una cosa che so fare

quella è farti da serva

se c’è qualcosa

io sarò la tua serva

se c’è una cosa che io so fare

è fare la serva

se posso fare qualcosa è farti da serva

sulle scale

ANNA

Walter Somà – Stefano Rampoldi

L’amore diventa MERDA

dopo due settimane

i miei amici hanno figli figli figli

io ho sempre fame

e allora non mi attaccare alle cose alle persone

che non mi serve a niente

ricordalo continuamente

ma non leggere nel libro del matto

non lo leggi

lo capisci lo capisco la metà

solamente perché sono uno strazio

STUPIDELLA bambina e gradasso

se ti scopi uno come me

perché io so fare l’amore bene uuuu

se ti scopi uno come me

perché io so fare l’amore bene

il primo deve essere dalla finestra

il secondo deve essere dalla maestra

ammazza mia madre

ammazza tuo padre

ammazza se sei cattivo cumpà

il primo deve essere dalla finestra

il secondo deve andare giù dalla maestra

ammazza mia madre

ammazza tuo padre

ammazza se sei cattivo

perché con me tu fai così

perché non esci più di lì

nnnnnnnnaaaa

Anna non ho regali

Anna non faccio regali

Anna io non ho buon gusto

mmmuooooo

non ho maglioni da lavare

mi riesco solo a dimenticare

che io non ho buon gustooooo

il primo deve essere dalla finestra

secondo deve essere dalla maestra

ammazza mia madre

ammazza mio padre

ammazza se sei cattivo cumpà

perché con me tu fai così

perché tu esci giù di lì

gnegnegne

Anna non ho maglioni

Anna non faccio regali

Anna io non ho buon gusto

mmmuuuuoooo

non ho maglioni da lavare

mi riesco solo a ricordare

che io non ho buon gusto

uuuooooo

non ho maglioni da lavare

mi voglio solo dimenticare

di quello che era giusto

ODIO I VIVI

Walter Somà – Stefano Rampoldi

Odio i vivi perché ho i miei motivi

ma me li tengo per me

 bambolino buon natale buon compleanno alla tua verginità

hhuhhuhuhu

semplicemente sto inventandomi tuttohohohohhohohoh

lasciamene almeno un po’ perché sennò sei un bassotto veramente distrutto

se non riesci a credere che sei stato eliminato

forse avrei dovuto dirtelo ma perché

nei miei stupidi ambienti

ci si lascia stare per non dire la verità

tu ed io saremo mica clienti che si parlano senza dirsi la verità

odio i vivi odio i bambini ma me lo tengo per me cocco mio buon compleanno e buon natale alla tua divinità

odio i vivi perché ho i miei motivi per tutto per sempre odierò anche voi

guarda come sei ridotto

al mio cane faccio schifo non gli piace il tuo vestito

chissà cosa faresti avresti un ottimo motivo meglio dei miei

come fai a non drogarti forse sbagli persona

nessuno sa come può rovinare la mia vita meglio di me

tu ed io le due fate ignoranti

odio i vivi ho i miei motivi ma me li tengo per me trottolino buon compleanno e buon natale alla tua dignità

odio i vivi ho dei motivi per tutto per sempre odierò anche voi

odio i vivi ho i miei motivi ma me li tengo per me coccolino buon compleanno e buon natale alla tua divinità

odio i vivi odio i tuoi bambini ma me li tengo per me coccolino buon compleanno e buon natale alla tua divinità

TOPAZIO

Stefano Rampoldi

Cosa faresti

come potresti

senza tua madre non tu vivresti

come potresti

cosa vorresti

forse vivere in campi ligresti

uuuuu sola nella stanza

nuda di speranza

guagliò

guagliò

è arrivato u’battaglione

come potresti

cosa faresti

senza la zia

non ci saresti

come potresti

cosa vorresti

forse vivere in campi ligresti

guarda questa stanza

vestita di fragranza

gnio gnao

ehi little girl lalallalaa

signora ci sei solo tu

nel mio letto solamente tu

ehi little girl lalallalaa

signora ci sei solo tu

purtroppo solamente tu

ti voglio così bene

ti voglio così male

amore benedetto

amore del mio cane

era tutto deciso

l’abbiamo stabilito

che non tornavi a casa

vedi di non rompermi i coglioni

pensa se non fosse tutta tua la colpa

cerca di non darmi dei pensieri

cerca di pensare almeno a un giorno a un mese

drumdrum

so quello che so

uh uh carina e basta

ho quello che ho

Anna Anna nuda nella vasca

l’hai voluto tu

io non volevo non volevo più

mi hai tenuto tu

e mi hai lasciato questa figlia pazza

come faresti

come potresti

senza tua madre tu non vivresti

GIONATA

Walter Somà – Gionata Mirai

Nei miei

nei miei

nei miei poteri tu non ci sei

come quando mi tormenti

per rifiutare ciò che non senti

sì uuuuuu ma sei proprio sgualdrina

un istante che mi attraversi

cosa pensi che non lo so

la notte tu passi raccogliendomi le lacrime

uuuuuuu il buon senso che hai

per disgrazia mi onori

ma oh di niente si tratta

perché noi siamo felici

permetti di dirmi e accettalo piuttost’io

i vestiti che si son lasciati dentro gli armadi eccoli là che lasciano da soli

e ciascuno di loro contiene un viso e un male

per poterli un giorno chissà provare all’ombra della prigione

e sogni sereni con occhi un po’ chiusi

una terribile notte sospiri e gocce di pioggia nel cielo a migliaia

verrà qualcuno all’alba

ma uuuu il buon senso che hai per grazia di onori

uuuuu il buon senso che hai perché noi siamo i migliori

uuuuuu buon senso che hai per grazia di onori

MARIKA

Walter Somà – Stefano Rampoldi

Sssssssssai che ti chiamano Mary Poppins per quelle grosse mele che hai

vorrei comprare della COCCOINA

il letto me lo bagnerai

ma per l’una ma per l’altra parte

ammesso che l’artista fai

io ti ho comprata in autostrada

l’autotreno sgancerei

non riesco più a sentire se devo fingere o patire

tu sei distante inesistente e un cazzo inutile

tu sei distante inesistente magari sterile

uuuuuu non riesco più a capire se devo fingere o tradire

sono distante inesistente povera inutile

ricordati che devi morire mo’ piantala

ricordati che devi morire allattala

non devi più sentire un allegro leprotto come me

io per te sono sempre l’adorabile

i tre allegri ragazzi morti sorridono perché

io con voi mi sento adorabile

uuuuuuu ringrazia le puttane quelle ubriache come me

ringrazia se sono adorabile

eeeeeeeae mai mai

lo sai che mi vesto da colombina

Marika

lo sai che mi vesto come prima nell’intimità

Marikaaaaa ma cosa mi dici mai

16 anni hai facciamo 17 dai

Marika ma cosa mi dici mai

16 anni hai facciamo 17 dai

non devi più sentire un allegro leprotto come me

io per te mi sento accettabile

uuuu

i tre allegri ragazzi morti sorridono perché

io con voi mi sento qualificabile

ringrazia le puttane quelle ubriache come te

mi rendono la vita accettabile

ricordati che devi morire adattati

ricordati che devi morire rilassati

IL SENO

Walter Somà – Stefano Rampoldi

Ehiii la morte non sa morire

ma dove mi

muovo io

tu non verrai mai

con meeeeee

che ti spegni per non sentire

sono sola io per assenza altrui

non lo capisci mai

uuuuuuuu (latrati)

ehi fammi il favore di non sparire

sono sempre io

in attesa altrui

che non viene mai

resta così

in eterno

visto che

ti dobbiamo servire

tuuu

all’esterno

in eterno ti muovi sposta il seno un po’ in là

resta così in eterno

visto che ti dobbiamo servire

tuuu in eterno

aahhhah più in là

(latrati)

resta così resta così

visto che tu non sai cosa dire

tuuuuuu all’esterno

ahahaha ti muovi iiii

resta così

in eterno visto che tu non sai cosa fare

tuuuu in esterno

all’eterno ti muovi

sposta il seno un po’ in là

OMINO NERO

Walter Somà – Stefano Rampoldi

Guardami guardami

Uhhh signore mio guardami

io sono l’uomo più nero

parlami ti prego parlami

in me non c’è nemmeno un pensiero

Cristina tu sei l’unica

Anna tu sei l’unica

sono proprio il figlio di Edda

sono proprio il figlio di Edda

non mi conosci ma ti amo

smettila di frignare

portami almeno al mare

smettila di pensare

ho voglia di scopare

smettila smettila di pensare

portami un giorno al mare

uhhhh signora mia

signora mia

io sono l’uomo più nero

guardami ti prego parlami

in me non c’è niente di vero

sono proprio il figlio di Edda

sono proprio il figlio di Edda

non ti capisco

non ti amo

smettila di frignare

portami almeno al mare

smettila smettila di strillare

ho voglia di scopare

smettila smettila di pensare

ho voglia di andare al mare

parlami guardami

guardami in me non c’è niente di vero

QUI

Walter Somà – Stefano Rampoldi

Qui iaiaiaiiaiai

non cambia niente

vivo sul filo dell’invisibilità

grazie alla gente

e vado sotto e vado sotto a questa grande città

che normalmente ingoia e sputa chissà

se vuoi capirmi

dammi del senso

dammi del senso

uuuuuuuuuaaaaa

è vero o non è vero

o forse è proprio questo che piace a te

è vero che non è vero

ma forse è proprio questo

questo che manca a te

quiiiiiaauauuauauuuuuu

non si fa niente

io vado sotto

a questa grande città

grazie alla gente

ma tuuuuuauuuauuuuaaaa

è vero o non è vero

ma forse è proprio questo che piace a te

ma forse è proprio questo

proprio questo che piace a te

TANIA

Walter Somà – Stefano Rampoldi

And now the end is near

quel che fai lo so già da un po’

veramente non è giusto oh oh oh

quando vuoi ottieni sempre tutte le cose

quando vuoi fammela pagare

a me non interessa se tu sei mia madre

a me non interessa se non c’è più lavoro

perché perché perché

stasera gioca l’inter

io già la so che rinascerò

e un altro corpo gesù bambino no

(peeee peee)

io già lo so che rinascerò

ma un altro corpo per favore no

per tutta la vita

a volte devo dire che mi sento un po’ in colpa

non ho mai un dono

non mi piace la torta

stavo benissimo

vivevo benissimo

evidentemente tu non sei il tipo

capace di farmi innamorare

dove son finiti i miei giorni di neve

non l’ho mai capito

non ho mai capito

dev’essere difficile far da mangiare

ci provo e mi viene maleeee

mangio solo come un animaleeee

(tun tun tun)

è finita lo sento

Tania

fammi un giuramento

dovessi finire così

non voglio finire così

è finita è finita

io me ne vado così

felice di essere stato qui

l’ho gradita è finita

Stefano muori così

ingoiato per essere qui

è squisita la mia vita

Stefano muori così

felice di essere stato qui

per tutta la vita

io già lo so che rinascerò

ma un altro corpo gesù bambino no
io già lo so che rinascerò

ma un altro corpo non sopporterò
io già lo so che rinascerò

ma un altro corpo non accetterò

io già lo so che rinascerò

ma un altro corpo gesù cristo no

io già lo so che rinascerò

ma un altro corpo per favore no

io già lo so che rinascerò

ma un altro corpo non sopporterò

per tutta la vita

Elisa Russo

Elisa Russo

Si occupa di musica e spettacoli su stampa, radio, tv e web. Dal 2004 collabora con il quotidiano Il Piccolo di Trieste. Spesso lavora in coppia con il fratello Ricky. The Russos hanno ideato, scritto e condotto il programma musicale “In Orbita”, in onda su Tv Capodistria (Slovenia) e su Radio Capodistria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close