Posted on: 12 Dicembre 2009 Posted by: Elisa Russo Comments: 0

Artista: Daniel Johnston
Titolo: «Is And Always Was»
Etichetta: Feraltone/Audioglobe

Artista, pittore, cantante, cantautore e padre pellegrino dell’indie music. Più di 30 album all’attivo, alcuni poco più che registrazioni casalinghe, altri osannati dalla critica e dai fan (tra i sostenitori anche Michel Stipe, Kurt Cobain, Beck, Tom Waits e David Bowie). Una storia personale difficile, fatta di sofferenza profonda e disagio psichico. Il tutto riversato in canzoni stralunate, innocenti e bellissime. Ancora musica terapeutica per Daniel, in questo nuovo album che così «è e sempre era». Cantilene infantili come «Queenie The Doggie» e canzoncine pop come «High Horse». Una copertina come sempre disegnata da lui, questa volta uno scheletro che suona il pianoforte, un autoritratto da fantasma dell’opera. Un disco molto più melodico e pulito dei precedenti, registrato con Jason Falkner (conosciuto per il suo lavoro con Beck, Air, Paul McCartney). I temi quelli di sempre: l’amore non corrisposto, la follia, il tormento esistenziale.

 Elisa Russo,  Il Piccolo 12 Dicembre 2009