Posted on: 1 Febbraio 2010 Posted by: Elisa Russo Comments: 0

 

Artista: Eels
Titolo: «End Times»
Etichetta: Vagrant/Self

Davvero prolifici gli Eels di Mark Everett. Più di dieci album all’attivo, la penultima uscita, «Hombre Lobo» risale a pochi mesi fa. Ci si stupisce allora di fronte a questo disco nato così in fretta, eppure così emozionante e pieno di canzoni agrodolci, sussurrate, intense, dalle atmosfere intime. “End Times” è già stato unanimemente accolto come uno dei migliori album degli Eels, viene da chiedersi da dove arrivi tutta questa ispirazione. Forse semplicemente dalla vita, con le sue gioie e i suoi affanni. Mr E ha messo in musica, negli anni, la morte del padre, la malattia e la morte della madre, il suicidio dell’amata sorella (il tutto raccontato anche in un’autobiografia appena tradotta in italiano). Questa volta E. ci parla di un lutto piccolo se raffrontato alle tragedie che hanno costellato il suo percorso: il filo che lega queste splendide ballate pop-folk è la fine di una storia d’amore e i sentimenti contrastanti che lascia dentro.

Elisa Russo, Il Piccolo 01 Febbraio 2010