Artista: Tre Allegri Ragazzi Morti
Titolo: «Primitivi del Futuro»
Etichetta: La Tempesta/Venus

Tre Allegri Ragazzi Morti spiazzano con un deciso cambio di rotta. Il sesto album ufficiale della loro carriera «Primitivi Del Futuro» (La Tempesta/Venus) esplora territori musicali inediti al trio pordenonese. Una piccola rivoluzione dub con una dominante cromatica blu. Fondamentale per questa svolta l’incontro con il produttore e musicista Paolo Baldini (B.R. Stylers, Africa Unite, Dub Sync). Un disco in levare, quindi. Sullo sfondo, c’è il punk e le contaminazioni della new wave. Vengono in mente i Clash, i Police ma anche i più moderni Vampire Weekend (che traggono le sonorità da un’Africa vagheggiata dalla cameretta di un college statunitense e riescono a farlo in maniera credibile). La critica ha apprezzato e premiato il coraggio e lo spessore dei TARM, che avrebbero potuto indugiare nei territori sicuri del loro rock’n’roll adolescenziale, mettendo in scena “l’incredibile spettacolo della vita/ l’incredibile spettacolo della morte”, ripetendo le formule e i tormentoni della loro carriera fatta di “bacini e r’n’r”. E invece, Davide Toffolo (voce, chitarra e fumetti), Enrico Molteni (basso) e Luca Masseroni (batteria) hanno scelto una strada in salita e hanno dato luce ad un disco adulto, malinconico e denso. Riuscendo anche a suonare più internazionali: ci si può far trasportare dalla musica anche senza seguire le parole (operazione impossibile con i lavori precedenti). Non a caso, la masterizzazione è stata fatta al Wolf Studio di Brixton, il quartiere di Londra immortalato dai Clash nella celebre «The Guns Of Brixton». Ciò non toglie che i testi abbiano la loro importanza: i protagonisti cantano di un mondo rovinato che assomiglia molto al nostro: «Prendi a calci il tuo padrone non lo fai/ rimetti in moto la ragione non lo fai» (da: «L’ultima rivolta nel quartiere Villanova non ha fatto feriti»), di gente reale con «occhi storti e un dente di ferro» («Mina»), di amore e morte («La ballata delle ossa») e dell’origine dell’alienazione della specie («Primitivi del futuro»). Ma le canzoni dei Ragazzi Morti sono una specie di antidoto all’orrore quotidiano e anche in questo lavoro non mancano gli elementi per reagire («La cattedrale di Palermo») e per ristabilire i giusti rapporti tra l’uomo e la bellezza della natura («Codalunga»). O nel finale del singolo che dà il titolo all’album, che recita: «E come la primavera per capire che siamo ancora belli e che non sarà l’azione dell’uomo a renderci infelici». La presenza di panorami sonori alieni è così spiegata da Toffolo ad XL di Repubblica: «Nei periodi politicamente neri il reggae è un’ottima musica da suonare. Noi Tre Allegri Ragazzi Morti incontriamo i Caraibi in questa specie di horror, il nostro disco più cinematografico. Abbiamo ascoltato tanto reggae e dub e c’è rimasto attaccato il voodoo».

Elisa Russo, Il Piccolo 29 Marzo 2010

Elisa Russo

Elisa Russo

Si occupa di musica e spettacoli su stampa, radio, tv e web. Dal 2004 collabora con il quotidiano Il Piccolo di Trieste. Spesso lavora in coppia con il fratello Ricky. The Russos hanno ideato, scritto e condotto il programma musicale “In Orbita”, in onda su Tv Capodistria (Slovenia) e su Radio Capodistria.

10 thoughts on “IL PICCOLO RUBRICA DISCHI: TRE ALLEGRI RAGAZZI MORTI “PRIMITIVI DEL FUTURO”

  1. Hi! Do you know if they make any plugins to help with SEO?
    I’m trying to get my blog to rank for some targeted keywords but
    I’m not seeing very good success. If you know of any please share.
    Thank you!

  2. When some one searches for his essential thing, thus he/she desires to be available that in detail, thus that thing is
    maintained over here.

  3. Neat blog! Is your theme custom made or did you download it from somewhere?
    A design like yours with a few simple tweeks would
    really make my blog jump out. Please let me know where you got your design. Bless you

  4. A person necessarily assist to make severely posts I’d state.
    That is the first time I frequented your web page and to this point?

    I amazed with the research you made to make this particular post incredible.
    Great task!

  5. Thanks for some other informative site. The place else may I get that kind of information written in such
    an ideal approach? I have a venture that I am just now operating on, and I have been at the glance out for
    such info.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Close
Close