LIBRO: "Japrocksampler – come i giapponesi del dopoguerra uscirono di testa per il rock’n’roll", di Julian Cope (Arcana, pp 396, 22 euro)

Esce per Arcana «Japrocksampler – come i giapponesi del dopoguerra uscirono di testa per il rock’n’roll» di Julian Cope. Rocker e musicologo visionario, archeologo specializzato in siti megalitici primitivi ed ex leader dei Teardrop Explodes, e già autore di libri come il leggendario «Krautrocksampler» (che riuscì a resuscitare un intero movimento musicale dimenticato) e «The Modern Antiquarian». In questo nuovo lavoro racconta di come la musica occidentale giunse sulle coste giapponesi dopo la Seconda Guerra Mondiale: non esiste luogo in cui l’eterna metamorfosi del rock’n’roll sia stata più affascinante e originale che in Giappone.

Quali sono state le sue fonti di informazione per questo libro, e come ha scelto cosa inserire e cosa tralasciare?

«Ho passato cinque anni per trovare quelle che consideravo le migliori band, poi lentamente mi sono procurato il materiale che riguardava queste band, cercando di conoscerle e comprenderle, soprattutto cercando invano le loro biografie in internet! Poi ho assoldato un traduttore giapponese e siamo stati noi a costruire una serie di biografie, utilizzando libri e siti web giapponesi come fonte. Sfortunatamente i rockers giapponesi di questo periodo sottovalutano la loro importanza. Ciò, al tempo stesso rende la mia ricerca inedita ai giapponesi stessi, quindi abbiamo già tradotto il libro nella loro lingua e verrà distribuito nel loro paese in agosto».

 

Solitamente è soddisfatto dei suoi libri, a lavoro finito, o vorrebbe cambiare qualcosa?

 

«Quando pubblico un libro, ho sempre raggiunto un punto che è soddisfacente quanto possibile. Ma tutto ciò è causato dalle scadenze che mi auto impongo, visto che ho tanti altri progetti nel cassetto che desidero realizzare e portare alla luce».

 

Ha uno stile strepitoso e molto personale. Quanto ha lavorato per migliorare e sviluppare il suo stile di scrittura?

 

«Penso che il mio stile sia migliorato soprattutto perché scrivo incessantemente, c’è un lato pratico in quello che faccio. Se non fosse per le scadenze scriverei troppo e pubblicherei delle cose esageratamente lunghe».

 

Com’è nato il suo interesse per il japrock?

 

«Dopo il successo del mio libro “Krautrocksampler”, ho passato molti anni a lavorare ai miei due libri sulla cultura antica “The Modern Antiquarian” e “The Megalithic European”, così ero pronto per un nuovo viaggio nel rock’n’roll. Ho scelto la storia giapponese, perché era inedita e perché pensavo potesse essere utile per gli occidentali vedere la musica attraverso il filtro del lontano Oriente».

 

Che cos’è il rock’n’roll per lei?

 

«Il rock’n’roll dovrebbe rimanere sempre un incrocio, un cane bastardo. Unendo generi inaspettati attraverso il rock’n’roll, nuovi elementi umani sono portati alla luce, portando a interrogarci sulla nostra natura. Solo quando la cultura diventa statica – cosa che cercano di fare le religioni organizzate – l’umanità delle nostre anime comincia ad abbandonare la gente. Il rock’n’roll dovrebbe appartenere alla propria generazione, e dovrebbe sempre annoiare le generazioni precedenti così da spingere la cultura sempre più avanti».

 

È molto popolare in Italia, ha pensato di scrivere qualcosa sulla musica del nostro paese?

 

«Conosco molto della musica italiana, e spero di avere il tempo di esplorare ancora di più. Adesso però, la mia ossessione è sulla relazione dell’Italia (penisola) con la Sardegna. Mi ricorda il rapporto dell’Inghilterra con l’Irlanda mezzo secolo fa. Sto lavorando su un romanzo sulla Sardegna, intitolato “131” dal nome della starda statale che attraversa l’isola. Il romanzo parla di una studentessa sarda che finge di essere di Napoli e un cantante di Liverpool che viene a Cagliari per uccidersi. I due scoprono la loro cultura attraverso il punto di vista dell’altro e fanno un viaggio attraverso la strada 131. Dopo qualche giorno visitano degli antichi monumenti sardi e, attraverso la malattia e la gioia di stare assieme, si ritrovano nel mondo sommerso della Sardegna del1800 a.C.».

 

Che cosa pensa della musica di oggi?

 

«Sebbene la musica commerciale sia perlopiù spazzatura, penso che il mondo dell’attuale musica underground sia più forte che mai. Ovunque le metal band stanno andando sempre più in profondità, mentre la funzione trascendente del rock’n’roll sembra essere stata riattivata da internet. Alcune divertenti band americane esistono solo per essere in opposizione di George Dubya Bush, mentre il dark folk pagano della Scandinavia e della Germania sta dando all’Europa del Nord un suono personale e di gran gusto, attraverso l’amore per il loro clima. In Italia, il power trio Midriyasi ha registrato una lunga canzone in un’antica tomba, unendo alla propria musica lo spirito degli antenati. I Sud Americani celebrano i loro antenati portando strumenti rock sulle colline. Per me, sono tutte prove che i primordi del rock’n’roll sono ancora qui».

 

Che consiglio darebbe ai giovani musicisti e scrittori?

 

«Direi loro di seguire il cuore e leggere il mio capitolo sui Les Rallizes Dénudés che hanno dirottato un aereo di linea e sono stati seguiti dalla CIA. Per molti anni erano degli outcast, ma oggi sono venerati come dei, e i loro dischi venduti in tutto il mondo. Il loro viaggio è la prova che solo il tempo decide chi e cosa è importante».

 

 

 Elisa Russo, Il Piccolo 08 Luglio 2008

 
Elisa Russo

Elisa Russo

Si occupa di musica e spettacoli su stampa, radio, tv e web. Dal 2004 collabora con il quotidiano Il Piccolo di Trieste. Spesso lavora in coppia con il fratello Ricky. The Russos hanno ideato, scritto e condotto il programma musicale “In Orbita”, in onda su Tv Capodistria (Slovenia) e su Radio Capodistria.

20 thoughts on “INTERVISTA A JULIAN COPE

  1. Pingback: buy viagra
  2. I’m the proprietor of JustCBD Store company (justcbdstore.com) and am trying to grow my wholesale side of business. I am hoping someone at targetdomain share some guidance ! I considered that the most effective way to do this would be to connect to vape stores and cbd retail stores. I was hoping if anyone could suggest a dependable website where I can get Vape Shop Business Contact List I am presently looking at creativebeartech.com, theeliquidboutique.co.uk and wowitloveithaveit.com. On the fence which one would be the best selection and would appreciate any assistance on this. Or would it be easier for me to scrape my own leads? Ideas?

  3. I blog often and I really thank you for your content. This article has really peaked my interest. I am going to book mark your website and keep checking for new information about once a week. I subscribed to your RSS feed as well.

  4. Can I simply just say what a comfort to discover a person that truly understands what they’re talking about over the internet. You actually know how to bring a problem to light and make it important. More people should check this out and understand this side of your story. I can’t believe you aren’t more popular since you surely have the gift.

  5. Hello there! I simply wish to give you a huge thumbs up for your great info you have got here on this post. I will be returning to your site for more soon.

  6. An impressive share! I’ve just forwarded this onto a coworker who had been doing a little homework on this. And he in fact ordered me lunch due to the fact that I found it for him… lol. So allow me to reword this…. Thank YOU for the meal!! But yeah, thanks for spending time to talk about this topic here on your site.

  7. Having read this I believed it was extremely enlightening. I appreciate you finding the time and effort to put this informative article together. I once again find myself personally spending a lot of time both reading and commenting. But so what, it was still worthwhile!

  8. Howdy! This article couldn’t be written much better! Reading through this post reminds me of my previous roommate! He constantly kept preaching about this. I will forward this post to him. Pretty sure he’s going to have a very good read. Thanks for sharing!

  9. Hello there! This post could not be written any better! Reading through this post reminds me of my previous roommate! He constantly kept talking about this. I most certainly will send this post to him. Fairly certain he will have a very good read. Thanks for sharing!

  10. This is a really good tip especially to those fresh to the blogosphere. Short but very precise information… Thanks for sharing this one. A must read post!

  11. I’m extremely pleased to find this website. I need to to thank you for your time due to this fantastic read!! I definitely liked every bit of it and i also have you saved to fav to look at new information in your web site.

  12. I want to to thank you for this fantastic read!! I certainly enjoyed every bit of it. I’ve got you book marked to look at new things you post…

  13. After I originally commented I appear to have clicked the -Notify me when new comments are added- checkbox and now every time a comment is added I recieve 4 emails with the same comment. Perhaps there is a way you can remove me from that service? Cheers!

  14. I would like to thank you for the efforts you’ve put in writing this blog. I really hope to view the same high-grade blog posts from you later on as well. In fact, your creative writing abilities has inspired me to get my own, personal site now 😉

  15. Greetings! Very helpful advice within this post! It is the little changes which will make the greatest changes. Thanks a lot for sharing!

Comments are closed.

Close