Era il 1998 quando Christophe Le Friant, dopo averne cambiati già alcuni, sceglieva il nome d’arte che lo accompagnerà alla conquista del successo mondiale: Bob Sinclar. Si fa ispirare dall’agente segreto Bob Saint-Clair, protagonista (interpretato da Jean-Paul Belmondo) del film del 1973 “Le Magnifique” (in italiano “Come si distrugge la reputazione del più grande agente segreto del mondo”). Il resto è storia. Oggi è uno dei dj più famosi al mondo (tra i numeri uno in Europa e Usa) e ha prodotto alcuni dei successi più incisivi della dance music, di quelli che fanno ballare milioni di persone. Punto di riferimento per le nuove generazioni che si avvicinano alla consolle, presenza fissa di eventi planetari come il Carnevale di Rio e il festival Tomorrowland, Sinclar arriva a Trieste per la prima volta, come protagonista del live set della Barcolana, alle 21 in Piazza Unità (ingresso gratuito, donazione minima 3 euro – in beneficenza per il Burlo Garofolo). A precederlo, alle 20, il cantautore triestino Cortellino che eseguirà la sua nuova canzone sulla bora «140 km/h» (cover di Ivan Graziani) uscita con un videoclip proprio oggi; dalle 20.15 alle 20.45 suonano le Swing Deal (duo triestino formato da Giovanna Rados e Lucy Passante Spaccapietra). Poi, fino alle 23, spazio al dj superstar. La sua ultima hit “I Believe”, pubblicata all’inizio di giugno, è uno dei brani più trasmessi dell’estate dalle radio italiane e il mese scorso l’ha suonata dal vivo all’Arena di Verona e all’area Expo a Milano per il Wind Summer Festival. «Sono totalmente innamorato dell’Italia – racconta il dj francese – amo le donne italiane, il cibo, la moda, tutto è intriso di bellezza, respiri lo stile anche solo passeggiando nelle strade. I fan sono calorosi, e se si appassionano a te non ti abbandonano più. Amo tutto dell’Italia!».

È finito perfino in un “cinepanettone” con Christian De Sica e Massimo Boldi. Ma soprattutto è qui ricordato per il suo remix di “A Far l’amore comincia tu” di Raffaella Carrà.

«Avevo un 45 giri su cui c’era una versione in francese sul lato b, sono impazzito per quel motivetto e ho voluto riportarlo in auge facendo incontrare la modernità con la disco club anni 70. Raffaella è una persona splendida, una diva. Da quando l’ho conosciuta, c’è stato un forte legame tra noi. È un’icona a livello mondiale, dovete essere orgogliosi di avere un’artista del genere nel vostro paese, potrei parlare all’infinito di quanto la ammiro. Raffaella ti amo!».

Una canzone da Oscar.

«È all’inizio de “La Grande Bellezza”, fantastico film che ha vinto l’Oscar, ne siamo così felici! È come se avessimo vinto anche noi l’Oscar».

Il set di stasera?

«Il pubblico di Piazza Unità non vedrà nulla di pirotecnico, ma senz’altro ascolterà dell’ottima musica, tutta quella che amo, un bel brivido spero».

È in pista da tanti anni, cos’è mutato?

«Il mondo è cambiato in tanti campi, compresa la musica. Oggi grazie alla tecnologia puoi fare canzoni con un solo computer, non hai bisogno di strumenti, tutto è veloce e potenzialmente ognuno ha un’opportunità di creare il proprio suono».

Cosa pensa di Spotify e la musica in streaming?

«Spotify è una grande opportunità per ascoltare tutta la musica del globo, ovviamente queste piattaforme hanno ucciso il supporto fisico, cd e vinile, ma secondo me è fantastico che la musica possa circolare libera».

Che effetto le fa il successo?

«Niente di speciale, sono solo felice di poter condividere ciò che faccio, sono un tipo semplice, mi piacciono le cose semplici, il successo non mi ha cambiato, penso solo di essere molto fortunato per aver fatto della mia passione il mio lavoro, è una benedizione. In certi momenti è stato difficile essere me stesso, fare ciò che mi piace davvero senza seguire le mode del momento».

Un consiglio che ha seguito?

«Non imitare nessuno, è l’originale che conta, non la copia».

Novità in vista?

«Sto lavorando a una nuova canzone, spero che vi piacerà quanto piace a me, state sintonizzati».

 

 

Elisa Russo, Il Piccolo 6 Ottobre 2018

sinclar copia

Elisa Russo

Elisa Russo

Si occupa di musica e spettacoli su stampa, radio, tv e web. Dal 2004 collabora con il quotidiano Il Piccolo di Trieste. Spesso lavora in coppia con il fratello Ricky. The Russos hanno ideato, scritto e condotto il programma musicale “In Orbita”, in onda su Tv Capodistria (Slovenia) e su Radio Capodistria.
Close
Close