Posted on: 23 Giugno 2014 Posted by: Elisa Russo Comments: 0

10492558_10152169014608133_188392613126493982_n1982, Mick Jagger è sul palco, a Torino, con la maglietta di Paolo Rossi. 2014, Eddie Vedder è sul palco, a Milano, con la maglietta di Cassano. Intrecci di rock e mondiali di calcio. Tempi diversi, esiti scaramantici diversi. Altro intreccio: proprio in questi giorni, anche i Rolling Stones hanno fatto tappa in Italia. Ha fatto notizia che abbiano soggiornato in una suite “reale” dell’hotel St. Regis che costerebbe 14 mila euro a notte. Sicuramente più alla mano i Pearl Jam, che sono stati ritratti in diversi scatti dei fans mentre facevano shopping (e venivano fermati per foto e autografi) in centro a Milano. Città a cui Eddie Vedder è piuttosto legato: non manca mai di ricordare di aver conosciuto lì la sua attuale moglie. Trieste, invece, è sempre stata fuori dalle mappe dei grandi concerti e per molti è una piacevole scoperta, come scrive nel forum ufficiale su pearljam.com la fan Sane Mary: «Pearl Jam, thank you for taking us somewhere we had never heard of before this tour, Trieste. What a beautiful and happy little city». Un ringraziamento ai PJ per aver fatto scoprire questa piccola città, bella e felice. Mary continua a rivolgersi alla band con una richiesta, quella di inserire nella scaletta «Picture in a Frame» per Stella, la loro figlia undicenne, che ha sentito questa canzone quando era neonata, al Bridge School Benefit show nel 2003, e da allora è stata una canzone piena di significati per la bambina e i suoi genitori. Diversi genitori portano i loro figli, anche molto piccoli, ai concerti dei PJ. Il triestino Siro Zanolla racconta di aver lasciato dai nonni il suo piccolo Leon (un anno ad agosto) ma di averlo portato alla recente data viennese dei Rolling Stones: «Oggi abbiamo i biglietti per l’inner circle e sarebbe stato un po’ troppo impegnativo… Gli Stones fanno parte della storia della musica, non potevamo farglieli perdere: sarebbe stato il mio primo senso di colpa paterno», scherza Siro che, in attesa dei PJ, aggiunge: «I Pearl Jam li ricordo sempre con piacere – e all’epoca con molto stupore – per il loro atteggiamento diametralmente opposto a molte rockstar: in occasione del loro concerto a Lubiana nel 2000, arrivati con largo anticipo all’Hala Tivoli, ad un certo punto si aprono le porte laterali del palazzetto ed escono due tecnici del suono con un tavolo da ping pong: passano un paio di minuti e li raggiungono Eddie Vedder e Jeff Ament, iniziano a giocare come se niente fosse, tra lo stupore dei pochi fortunati presenti, firmando autografi, per poi salutare tutti e tornarsene dentro. Dei signori…».
82028144PearlJam
Una rappresentanza di Trieste is Rock ha deciso di seguire anche la data milanese e così la descrive: «Il concerto è cominciato con “Release”, “Nothingman”, “Sirens” e “Black” e l’immancabile bottiglia di vino. Eddie sembrava emozionato, avvolto dalla bolgia di San Siro che canta con lui e sopra di lui, anche quando si inceppa (dandosi dello “str***o”) durante “Given to Fly”. È stata una serata piena di dediche, la prima a Michael, al suo primo concerto, che a mo’ di auguri si vede dedicate “Setting Forth” e “Not for You”. E quando arriva il momento di “Just Breath” la dedica è per la moglie, conosciuta quattordici anni fa in un momento difficile della sua vita. Nonostante non sia più il 1992 c’è stato spazio anche per qualche pogo nel prato e nel pit, mentre la band si scatenava su “Alive”, “Rocking in the Free World,” “Porch”, “Spin the Black Circle”… E poi sei lì a San Siro a guardare l’ingresso dell’Italia in campo e Eddie Vedder esce a fare “Porch” in acustico al posto degli inni nazionali… Spettacolo! Nonostante Eddie sia comunque visibilmente impedito nei movimenti da un infortunio al ginocchio».

Aggiunge Raphael Udovici: «A San Siro non si poteva proprio mancare. Dopo una serata del genere cosa vorrei di più da loro? Potrei dire “vorrei averli sotto casa…”, solo che Eddie mi direbbe “Aspetta qualche ora e arrivo!”. Dopo Bruce anche questa volta la doppietta San Siro/sottocasa si ripete… neanche se avessi fatto una wishlist anni fa sarei arrivato a tanto. Hai ragione Eddie: “we can win” e aggiungo “we can dream”!».

pearl jam triesteGiuseppe Vergara (autore di “Rockshort”, in cui comparivano anche i PJ) commenta: «Di tutte quelle rock band nate tra il crepuscolo degli ‘80 e i primi ‘90 i Pearl Jam sono il simbolo e la prova che il rock non è mai morto. Nel ‘93 li vidi per la prima volta, la prima di una serie mai troppo lunga. Eddie si presentò con una maschera sul volto, si lanciò sul pubblico e cantò per la terza ed ultima volta dal vivo “Sympathy for the devil”. I Pearl Jam presentarono anche alcuni brani di “Vs”, il loro secondo album, che all’epoca non sapevo nemmeno esistesse. Ora quando esce un disco nuovo lo vieni a sapere dai primi rumors un anno prima. Oggi metterò un’altra X alla collezione e nonostante siano passati tutti questi anni la X non sarà decrepita e ingiallita. Non sarà un atto dovuto ad una passione giovanile. Non sarà un amarcord e una rimpatriata fra vecchie glorie. Sarà come sempre Rock, energia e passione fatta da cinquantenni coetanei miei che conosco da così tanto tempo che non penso che si offendano se li chiamo amici».

In questi giorni si sono lette anche le (sterili) polemiche di chi ritiene i PJ un gruppo finito molti anni fa, nei Novanta. Interessante il commento in merito di Simone Dotto (l’autore del libro appena uscito per Arcana): «Ora, io già lo so che tanti dei miei amici duri e puri, con un curriculum di ascolti immacolati, saranno tentati di levarmi l’amicizia e magari pure il saluto. Però aspettate. Perché il libro è scritto anche per il popolo degli scettici, per riscattare un po’ i Pearl Jam da questa nomea da “paparino-rock” che si portano appresso e provare a spiegare che, se non la musica, almeno la loro storia non sarebbe stata quella che è stata se non fossero anche loro un po’ figli dello spirito da American Indie. È la storia di una sopravvivenza, la loro, che dura ormai da venticinque anni, che ho cercato di ripercorrere attraverso una selezione ampia e ragionata dei loro testi».

 

Elisa Russo, Il Piccolo 23 Giugno 2014
 

pj2

Blindatissimi i Pearl Jam: impossibile conoscere nel dettaglio le ore della loro permanenza a Trieste. Alle 16 del pomeriggio ancora non sono arrivati, il soundcheck viene effettuato in precedenza da membri dello staff. Non si può parlare di vera e propria giornata triestina: Eddie Vedder e soci sbarcano soltanto per il concerto, poco dopo le 18. Arrivano, dunque, soltanto qualche ora prima e rimangono nella zona off-limit. Non è dato sapere come impieghino il loro tempo prima del live. Gli organizzatori fanno sapere che le richieste sono state assolutamente semplici e affatto da rockstar. Quasi sicuramente non riescono a visitare Trieste come hanno fatto invece nella loro più famigliare Milano: sono visibili in rete alcune foto dello shopping in Via Monte Napoleone in occasione dell’esibizione a San Siro. Il frontman dei Pearl Jam in quegli scatti sembra un comunissimo turista americano: occhiali da sole, cappellino con visiera, t-shirt e camicia a scacchi aperta (in piena tradizione grunge – la stessa che indossa sul palco di Trieste) e shorts. Una imponente body guard li accompagnava nelle vie milanesi, ma la band si è tranquillamente fermata a firmare autografi e prestarsi generosamente agli scatti dei fans. I PJ sono notoriamente molto disponibili alla stretta di mano e alla gentilezza nei confronti del pubblico, al tempo stesso sono molto riservati e non hanno mai puntato molto sulla comunicazione fatta di gossip e grossa esposizione mediatica. La stessa riservatezza ha contraddistinto la data triestina: davvero difficile raccogliere anche la più piccola indiscrezione. Lo staff della band ed anche quello locale è stato istruito a tutelare tale riservatezza: anche chi sa, per etica professionale, non può raccontare. Alcune indiscrezioni dicono che la band non si fermi in città per la notte, mentre la crew dovrebbe risiedere all’Hotel Savoia. Altri dicono che ci sia un altro prestigioso hotel cittadino prenotato per il gruppo. Ma nessuno conferma o smentisce. Nel frattempo, già nel pomeriggio, alcuni fans speranzosi assediano l’entrata del Savoia. 

Elisa Russo, Il Piccolo 23 Giugno 2014

pj1