Posted on: 17 Luglio 2016 Posted by: Elisa Russo Comments: 0

La band triestina The Rideouts vola in Gran Bretagna per un mini tour che toccherà Londra, Liverpool e Manchester (Stockport). Quasi un ritorno a casa, visto che il progetto musicale di Max Scherbi partì proprio da Liverpool, dove il musicista triestino viveva nel 2003, sotto il segno dei Beatles. Il gruppo, che qualche mese fa ha presentato il nuovo album (terzo della carriera) «Heart and Soul» al Miela, sarà giovedì 21 luglio all’Alleycat Club di Londra: si trova nel seminterrato di Denmark Street 4 dove una volta sorgevano i leggendari Regent Sound Studios in cui i Rolling Stones hanno registrato il loro primo album, The Kinks il demo di «You Really Got Me», i Black Sabbath un singolo come «Paranoid». Venerdì 22 suonano allo Zanzibar Club di Liverpool che ha ospitato artisti come Noel Gallagher, The Coral, The Zutons, Miles Kane. Ultima tappa sabato 23 al prestigioso Blackthorn Festival, a pochi chilometri da Manchester dove avranno l’onore di condividere il main stage con nomi del calibro di Maximo Park e Stereo MCs. Per rivederli in concerto a Trieste, oltre al Lunatico il 2 settembre, ci sarà una data in acustico il 25 agosto all’Etrusco.

«Non è scontato riuscire a suonare in Inghilterra partendo dall’Italia – commenta Max Scherbi – questo è un segnale importante, un chiaro riconoscimento che i Rideouts hanno un respiro e una credibilità internazionale. Vogliamo metterci in gioco in un territorio diverso da quello che conosciamo, regalare un set di canzoni bello denso, pieno di energia ed emozioni e vedere il pubblico divertirsi e andare via dal concerto con un bel sorriso e un cd dei Rideouts in mano».

«Per cogliere questa opportunità siamo partiti dalle conoscenze e contatti diretti di Max e della nostra corista Michela. Avendo già avuto precedenti esperienze in UK è stato più facile aprire un canale di comunicazione, ma come sempre è la qualità della musica a convincere le persone a darti fiducia» spiega Andrea Radini, manager e chitarrista del gruppo. «Si dice che l’arroganza è pensare di essere superiori agli altri mentre l’autostima è non sentirsi inferiori a nessuno. Penso sia questo lo spirito con il quale affrontiamo questa esperienza: umiltà e voglia di divertirsi e far divertire». Conclude: «Nel frattempo lanceremo il secondo singolo “Plastic Soul” e uscirà anche un video-live del concerto fatto al Miela, stiamo anche già registrando del nuovo materiale inedito. Insomma continuate a seguirci perché ci saranno molte novità nei prossimi mesi».

 

Elisa Russo, Il Piccolo 17 Luglio 2016

rideouts